Fiera del Fungo di Borgotaro

16 – 17 – 23 – 24 Settembre 2017

logo

Alla scoperta del sottobosco in 4 giorni di Fiera!

Fungo di Borgotaro IGP

riconoscimento-indicazione-geografica-protetta

Nei boschi situati lungo la dorsale appenninica e ricadenti nei Comuni di Albareto, Borgo Val di Taro e Pontremoli, la raccolta dei funghi è una consuetudine che si tramanda da molti secoli.

Sono proprio queste zone infatti che, a partire dal 1934, sono indicate nelle raccolte di usi e consuetudini vigenti in provincia di Parma (edite dalla locale Camera di Commercio Industria e Agricoltura), come aree ove si produce il “Fungo di Borgotaro”.

Per “Fungo di Borgotaro”, nella tradizione e nel commercio locale, si intendono le quattro specie di porcino Boletus edulis, Boletus aereus, Boletus aestivalis e Boletus pinophilus. Il prodotto è da tutti considerato superiore, per qualità organolettiche, olfattive ed aromatiche, rispetto agli altri porcini che, pur delle stesse specie, provengono da altre zone sia italiane che estere.

Il Fungo di Borgotaro, come è facilmente intuibile, è assai diverso dalle altre produzioni tipiche perché rientra tra gli ortofrutticoli ma non è “coltivato” nel senso classico del termine. La sua fama non è solo a livello culinario ma è anche legata alla passione di migliaia di cercatori provenienti da ogni parte d’Italia che frequentano i boschi del comprensorio nei mesi di settembre ed ottobre.

Ed è per far fronte ad un indiscriminato assalto ai boschi, con conseguente distruzione dell’ecosistema fungo-pianta, che già negli anni ’60 le Comunalie, che rappresentano le maggiori proprietà boscate a vocazione fungina del comprensorio, hanno istituito, prime in Italia, apposite riserve per la raccolta dei funghi.

Il Fungo di Borgotaro IGP

Dal 1993, ottenuto il prestigioso riconoscimento IGP, è considerato un prodotto superiore, per qualità organolettiche, olfattive ed aromatiche.

Leggi l'articolo